Comunicato Regione: Sanità. Riforma emergenza-urgenza: entro fine anno in Emilia - Unione dei Comuni della Pianura Reggiana

Notizie - Unione dei Comuni della Pianura Reggiana

Comunicato Regione: Sanità. Riforma emergenza-urgenza: entro fine anno in Emilia

 
Comunicato Regione: Sanità. Riforma emergenza-urgenza: entro fine anno in Emilia

“Modello innovativo per una presa in carico più veloce dei pazienti con basse criticità. Apriamo la strada nel Paese e accompagniamo i cittadini lungo il percorso di cambiamento”

Attivi h24, 7 giorni su 7. Obiettivo: intercettare subito i bisogni meno urgenti ed evitare gli accessi ai Pronto Soccorso, dove saranno trattati i casi gravi, riducendo i tempi d’attesa e migliorando l’efficacia. Via alla campagna di comunicazione, “Lunga vita alla sanità pubblica”: dalle affissioni ai social, tutte le informazioni utili per conoscere le novità e trovare risposta ai dubbi, anche grazie alla sezione Domande/Risposte online sul sito web della Regione dedicato alla riforma

 

Entro fine 2023 partono in Emilia-Romagna i primi 30 Centri di Assistenza e Urgenza (CAU), che fanno parte della più ampia riorganizzazione delle cure primarie territoriali e del sistema di emergenza-urgenza regionale.

Rappresentano il nuovo modello di sanità territoriale potenziata pensato per rispondere alla gran parte dei bisogni e delle urgenze a bassa complessità clinica e assistenziale, sgravando così i Pronto soccorso, dove far confluire solo i casi più gravi. Per una presa in carico più veloce e appropriata. Sono strutture territoriali - a regime almeno una per ogni Distretto sanitario - dotate di équipe medico infermieristiche adeguatamente formate, che, quando il percorso sarà completato, saranno attive H24 7 giorni su 7, con un bacino d’utenza tra 35.000 e 75.000 abitanti. L’obiettivo, infatti, è garantire a tutti i cittadini la cura migliore e un percorso di assistenza personalizzato, in tempi rapidi e senza lunghe attese.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (452 valutazioni)